I “martedì virtuali” del Polo Biblio-Museale con il “Don Tonino Bello – Nino Della Notte”

Si sono da poco conclusi i “martedì virtuali” del Museo Castromediano di Lecce, una serie di incontri organizzati dal Polo Biblio-Museale nell’ambito del progetto “ADD – L’Arte Diminuisce la Distanza” e a cui gli studenti del “Don Tonino Bello – Nino Della Notte” hanno partecipato con curiosità e entusiasmo per circa due mesi, da gennaio a marzo. Il progetto, finalizzato ad accorciare le distanze tra spazi della cultura e mondo scolastico, ha coinvolto tutte le classi dell’Istituto. I ragazzi, nei dieci “martedì virtuali” hanno visitato, tramite tour virtuali, i “Paesaggi” che si snodano all’interno del Museo e che narrano il passato del Salento e delle genti che lo hanno abitato: hanno potuto così approfondire temi quali il popolamento del territorio dalle grotte preistoriche alle prime città, il ruolo del mare nell’antichità quale crocevia di scambi e contatti con altri popoli e culture, la ritualità delle origini, le attività quotidiane, gli aspetti funerari. Durante gli incontri gli studenti hanno dialogato con gli archeologi, scoperto i luoghi del passato e la loro bellezza, sentendosi coinvolti in prima persona nella loro tutela e valorizzazione. La collaborazione con il Polo Biblio-Museale proseguirà con l’organizzazione di attività in presenza e sarà estesa ad altri aspetti, prevedendo il coinvolgimento diretto degli studenti in progetti di allestimento, comunicazione e valorizzazione del patrimonio artistico-culturale. 

All’interno dell’atto di indirizzo del Dirigente Scolastico al collegio dei docenti dell’I.I.S.S. “Don Tonino Bello – Nino Della Notte” la bellezza e l’esperienza del bello sono priorità capaci di modificare in meglio diversi aspetti rilevanti per il benessere di ciascuno. Equilibrio, socialità pro attiva, benessere, speranza, apertura. Sono solo alcune delle risorse che siamo in grado di coltivare ed impiegare grazie ad un atteggiamento attento e partecipe nell’apprezzare il buono ed il bello che ci circonda creando nuovi slanci affinché ogni forza positiva si instauri e dia i suoi frutti. Non si tratta di assumere un’attitudine verso la vita, ma di accoglierla nella sua interezza. Per dirla con le celebri parole di Peppino Impastato: Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore.

 In questa cornice si inserisce l’esperienza che l’Istituto ha realizzato con i dieci incontri virtuali e quanto in futuro si realizzerà declinando vari percorsi di esperienze e di PCTO (ex alternanza) all’interno del Polo Biblio-Museale grazie al siglato protocollo di intesa.

Si ringraziano il Direttore dott. Luigi De Luca, la dott.ssa Ida Tiberi, la dott.ssa Anna Lucia Tempesta, la dott.ssa Alessandra Berselli, il dott. Basel Sai, la dott.ssa Giorgia Aprile e la prof.ssa Giusi Giaracuni per il valido gancio e per il coordinamento interno.

 

Fonte notizia: IISS “DON TONINO BELLO-NINO DELLA NOTTE”


www.specchia.it